23 Maggio 2024
percorso: Home > news > INFORMAZIONE > notizie

Ecco la RETE: una protezione contro la violenza di genere.

10-10-2023 19:44 - notizie

"Più rete di protezione, prevenzione e solidarietà, più alleanze sociali fra scuola, famiglia, parrocchia, volontariato, istituzioni, migliore assistenza legale, medica e psicologica, più case di accoglienza e più centri di ascolto ed antiviolenza, giustizia più celere."


È stata la volta di Nettuno ospitare martedì 10 ottobre in Sala Consiliare la nuova tappa di "Comuni in rete", il ciclo di incontri promossi dalla Procura di Velletri e finalizzati a contrastare e a prevenire la violenza di genere.

Ne ha parlato diffusamente Giancarlo Amato, Procuratore di Velletri, introdotto da una breve ma simolante presentazione di Antonio Reppucci, Commissario Straordinario di Nettuno.

A seguire Marcello Pezzi, del team della Procura che si concentra proprio sulla violenza di genere, ha brevemente illustrato il sito web CONTEINRETE.it che fa da supporto a tale problematica fornendo informazioni e indicazioni utilissime per chi ha bisogno di aiuto. Il sito è dotato anche di un'area riservata in cui i vari organi istituzionali possono attingere e scambiare dati relativi all'argomento.

Gli interventi successivi si sono focalizzati sulla descrizione della nuova struttura (aperta giusto un anno fa presso il Tribunale di Velletri) creata per risolvere le due fondamentali esigenze di:
-rendere più agevole chiedere aiuto per chi subisce o anche ha solo notizie di violenza di genere;
-collegare fra loro tutti quelli che, sul lato opposto, lavorano perché quella richiesta d'aiuto abbia risposte efficaci.

La struttura è un vero e proprio "sportello" a cui si può accedere il lunedì mattina (9-13) ed il martedì pomeriggio (14-17). Chi vi si rivolge viene ascoltato e, una volta esaminato il suo caso specifico, viene affidato alle persone più adeguate a sostenerlo: psicologi, medici, avvocati.
Costoro operano in maniera coordinata rapportandosi con i servizi sociali comunali, con quelli sanitari regionali,con le forze dell'ordine e perfino con le cento associazioni volontaristiche che agiscono nel territorio.

Quello del collegamento con le associazioni è definito da tutti gli interventi come un fattore cruciale; ad esse si riconosce un valore particolare soprattutto perché sono lo strumento più adatto ad incanalare la solidarietà umana, che molti provano ma che, senza regole e coordinamento, rimane spesso inutilizzabile.

Tutto questo convergere di esperienze, di conoscenze e di azioni concrete, sia pubbliche che private, finiscono, se ben coordinate, col formare una costellazione di punti di appoggio che si rinforzano l'un l'altro a vantaggio di chi è in difficoltà, una vera e propria "rete" organizzativa che è in fondo anche una rete di tutela.

A supporto di questa impostazione sono così arrivati gli interventi di alcuni degli operatori coinvolti.

Folliero per gli avvocati e Scampati per gli psicologi hanno sottolineato le funzioni dello Sportello di Ascolto.
L'avv.Capasso ha riportato un caso positivamente risolto grazie alla intelligente collaborazione del commissariato di Anzio/Nettuno.
Dai Servizi Sociali del comune di Nettuno sono arrivate le appassionate parole della dirigente Margherita Camarda e quelle della sua collaboratrice Valentina; questa ha descritto efficacemente le fasi del protocollo che viene attivato in simili circostanze:
1.gestire il punto d'accesso;
2.prendere in carico il problema (e qui è molto importante dire che lo si fa a prescindere che vi sia o meno un mandato dell'Autorità Giudiziaria) avviando azioni di recupero anche per il soggetto maltrattante se necessario;
3.costruire il percorso personalizzato di ricostruzione della personalità della vittima;
4.valutare l'andamento degli interventi e trarne il feedback per azioni di miglioramento.

Dopo di lei hanno parlato in successione Maria Pia Baldo, titolare dell'ufficio "Garante dell'infanzia e dell'adolescenza" creato dal comune di Nettuno nel 2022; l'avv.ssa Guerrini dell'ass.di mediazione familiare PromoCivitas; Carla Centioni di Ponte Donna, organizzata in Centri Antiviolenza articolati in tutto il Lazio; da lei, a fronte delle tante cose positive che sul tema stanno nascendo, è emersa anche la grande frustrante criticità che serpeggia sotto tutto ciò: la lentezza delle istituzioni. Elemento che produce danni quando si arriva a celebrare un processo a distanza di anni dall'accaduto, col risultato di far rivivere indebitamente il brutto trascorso alla vittima e di diluire l'effetto repressivo sul delinquente, causando così nelle nuove vittime una diffidenza proprio verso la rete di soccorso che si cerca di costruire.

Il preside Carlo Eufemi e la d.ssa Spada, dirigente del Commissariato di polizia di Anzio/Nettuno, hanno chiuso la giornata evidenziando il primo due recenti iniziative di Governo e Regione in favore della lotta alla violenza di genere destinate alla scuola, e la seconda due proposte molto "operative":
-stabilire incontri regolari e periodici fra le diverse Forze dell'ordine per travasarsi le esperienze acquisite durante le operazioni per il reato di cui si tratta oggi;
-mettere a disposizione delle sale operative contatti telefonici presidiati 24 ore che possano rispondere alle immediate esigenze di protezione, salvaguardia ed assistenza della vittima di violenza.

Il microfono è tornato infine ad Antonio Reppucci che ha ribadito la sua ferma e ben nota convinzione che è la cultura ad essere l'arma migliore contro la violenza ed il crimine in generale. La cultura incoraggia la partecipazione e genera consapevolezza: dei propri diritti, certo, ma anche e soprattutto dei propri doveri. E questi, oggi, qui, sono abbastanza sbiaditi.

[claudio tondi]





Qui di seguito la comunicazione ufficiale del comune di Nettuno diffusa in serata.

"Stamane nell’Aula Consiliare del Comune si è tenuto un incontro sul tema della violenza di genere, fenomeno che, alla luce delle denunce pervenute alle Forze di Polizia e ai Centri di ascolto vede spesso ripetersi episodi di violenza fisica, psicologica, morale, sessuale in danno di donne anche in questi territori.
All’evento, promosso dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Velletri Dott. Amato, supportato da un team multispecialistico, hanno presenziato i vertici delle Forze dell’Ordine, dell’UTTAT, dell’Ufficio locale Marittimo, i Dirigenti Scolastici, il Garante per l’Infanzia, Rappresentanti dell’Associazionismo che si occupano più direttamente del fenomeno (Promo Civitas, AIDE, il Centro antiviolenza Marielle Franco, l’Abbraccio del Mediterraneo).
Per il Comune di Nettuno presente la Commissione Straordinaria, la Dirigente dei Servizi Sociali e relativo personale, il Comandante della Polizia Locale; presente altresì il responsabile della funzione supporto 3 del PEC.
L’incontro è servito a fare il punto della situazione sulle strutture e sulle risorse operanti sul territorio per contrastare la violenza di genere soprattutto per quanto riguarda il piano preventivo che vede il coinvolgimento, in un ottica di sapiente ed equilibrato gioco di squadra, a fianco delle Istituzioni (Magistratura, Forze dell’Ordine, Comune, Scuole), le Forze del volontariato operanti in tale delicato ambito.
Si è preso atto che è strutturata sul territorio una rete con centri di ascolto e di accoglienza operativa e funzionale, in grado di far fronte all’occorrenza ad esigenze e necessità che si presentano.
Negli interventi che si sono susseguiti si è avuto modo di rilevare l’attenzione, la passione e l’entusiasmo, oltre che lo slancio etico con cui tanti volontari svolgono attività di ascolto e se del caso di assistenza, accompagnando le vittime di violenze fisiche, morali, psicologiche, sessuali nel percorso difficile e difficoltoso per allontanarsi da ambienti “ostili ed avvelenati”, per recuperare un’esistenza libera e dignitosa, fiducia nelle istituzioni chiamate ad occuparsi delle loro vicende di donne violentate, mortificate, umiliate, brutalizzate, offese, discriminate per il comportamento di un compagno, marito o convivente violento (per fattori endogeni o esogeni), perché spesso permeato di cultura patriarcale o perché portatore di qualche disturbo della personalità.
Al livello generale è stato generalmente sottolineato che di fronte alla violenza spesso gratuita di persona inadeguata, disturbata, il rimedio, oltre il rifiuto di modelli estetici spesso proposti da pubblicità negativa, è l’affermazione di una cultura del rispetto dell’altro/a, sempre e comunque, il rafforzamento costante delle reti di alleanza e protezione esistenti (scuola, famiglia, parrocchia, istituzioni, volontariato), un’assistenza legale, medica, psicologica e materiale puntuale ed adeguata, una giustizia più celere e satisfattiva.
Si è convenuto infine, sulla necessità di tenere incontri periodici, magari bimensili, per fare costantemente il punto della situazione, al fine di rilevare immediatamente eventuali criticità o punti di debolezza e per ricalibrare, se del caso, potenziandola ulteriormente, la rete di protezione strutturata sul territorio, che comunque, al momento si rileva di buon livello.
A conclusione dell’incontro è stato sottoscritto un Protocollo Operativo Interistituzionale dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Velletri Dott. Giancarlo Amato, dal Prefetto Antonio Reppucci della Commissione Straordinaria e dal responsabile della funzione supporto 3 del PEC Gaetano Russo.
LA COMMISSIONE STRAORDINARIA
Giallongo - Reppucci - Infantino "


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Questo sito NON richiede NE’ è a conoscenza dei dati personali dei visitatori.
(Informativa fornita ai sensi del Regolamento 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE.)
torna indietro leggi Informativa Privacy
 obbligatorio