18 Ottobre 2021
percorso: Home > news > INFORMAZIONE > notizie

Anzio: prende forma una nuova Riserva Naturale dopo quella di Tor Caldara.

13-10-2021 18:32 - notizie
Il Consiglio comunale di Anzio nella seduta del 5 ottobre 2021 ha votato all’unanimità un ordine del giorno con cui impegna il sindaco a sostenere in Regione l’istituzione della Riserva Naturale Regionale “Macchia della Spadellata” e a predisporre un piano di tutela e sviluppo dell’area archeologica di Colle Rotondo (*) in essa inclusa.

Parallelamente il sindaco dovrà avviare con la Regione le procedure per costituire un ente di gestione di tutti i circa 700 ettari di aree protette ricadenti nel territorio anziate.

L'Ordine del Giorno è stato presentato dal Consigliere Flavio Vasoli ed approvato all'unanimità dal Consiglio Comunale. L’ente di gestione ipotizzato si chiamerà “Anzio Natura”.


L’iniziativa si affianca a quella già approdata in Regione Lazio mirante all’ampliamento della Riserva di Tor Caldara includendovi parte della prospiciente tenuta agricola della Vignarola (proposta di legge n.189 del 8/10/2019).


Le aree protette ad Anzio:

• Macchia della Spadellata, codice sito IT6030044 di superficie 375 ha;

• Lido dei Gigli, codice sito IT6030045 di superficie 221 ha;

• Tor Caldara, codice sito IT6030046 (zona solfatara e fossi) di superficie 43 ha;





(*) approfondimento su Colle Rotondo

Nei recenti anni ’60, grazie a riprese aeree del terreno, fu individuato dall’archeologo romeno Dinu Adamesteanu un abitato arcaico all’interno dell’area SIC di Macchia della Spadellata; il sito è stato poi oggetto di ripetute indagini di superficie negli anni 1970-80 che evidenziarono fasi di occupazione comprese tra la prima Età del Ferro e il II sec. a.C. messe anche in relazione con la vicina necropoli di Cavallo Morto scoperta nel 1981.
Nuove ricognizioni del pianoro nel 2003-2004 hanno confermato presenze di età protostorica e materiali di età arcaica e tardoarcaica, oltre a un deposito votivo con materiali databili tra il 750 ed il 400 a.C.
Caratteristica dell’abitato è la presenza di due apprestamenti difensivi.
Il più esterno insiste sull’estremità orientale del pianoro mentre sull’estremità occidentale appare un notevole rialzo del terreno, un aggere, la cui tipologia e cronologia potrà essere definita solo con interventi di scavo.
Questa seconda linea di difesa circoscrive un’area di circa 3 ettari caratterizzata da una linea di compluvio mediana che potrebbe corrispondere all’asse stradale principale dell’abitato.


Una interessante e documentata raccolta di materiali provenienti dal sito è visitabile presso la sede del Consorzio di Lido dei Pini di Anzio in via dei Tulipani 8.



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Questo sito NON richiede NE’ è a conoscenza dei dati personali dei visitatori.
(Informativa fornita ai sensi del Regolamento 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE.)
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio