21 Settembre 2021

Villa Borghese (già Villa di Bell´Aspetto)

09-04-2018 16:38 - Nettuno
edificio storico

La villa, che ancora oggi sorge nel mezzo di un rigoglioso parco di 40 ettari tra Anzio e Nettuno, venne iniziata nel 1647 dal Cardinale Vincenzo Costaguti che si avvalse dell’architetto Giovanni Antonio De Rossi. Fu inaugurata nel 1649 col nome di Villa di Bell’Aspetto.

La villa rimane di proprietà della famiglia Costaguti fino al 1818, anno in cui il Marchese Luigi Costaguti la vende al Duca Giovanni Torlonia. Pochi anni dopo, nel 1832, i Torlonia vendono a loro volta la proprietà al Principe Don Camillo Borghese. Da quel momento accanto al nome di Villa di Bell’Aspetto ricorrerà frequentemente quello di Villa Borghese.
Nel 1925 l’intera area nella quale sorge la costruzione è sottoposta a Vincolo Panoramico dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Tra i personaggi illustri ospitati nella villa citiamo la Regina Cristina di Svezia, il Papa Innocenzo XII nel 1697 ed il Papa Benedetto XIV nel 1746. Nel 1903 Gabriele D’Annunzio ed Eleonora Duse vi trascorrono diversi mesi tra l’estate e l’autunno. Nel 1925 la visita Benito Mussolini, da pochi anni al potere.
Nel 1944 a seguito dello sbarco alleato prende stanza nelle segrete della villa il Quartier Generale Avanzato del VI Corpo, V Armata dell’Esercito Americano.

Oggi la Villa ed il parco, mantenuti con passione nel loro antico splendore, sono ancora di proprietà della famiglia Borghese.
In alcune occasioni il parco è visitabile (a pagamento)

via Antonio Gramsci 96 00048 Nettuno

info@villabellaspetto.it

tel. 3425307370


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Questo sito NON richiede NE’ è a conoscenza dei dati personali dei visitatori.
(Informativa fornita ai sensi del Regolamento 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE.)
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio