26 Giugno 2022
percorso: Home > news > INFORMAZIONE > notizie

20 novembre: Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Perché è importante.

20-11-2020 10:15 - notizie
L'Assemblea delle Nazioni Unite emanò il 20 novembre 1959 la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo completata poi nel 1989 (sempre il 20 novembre) con la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.


La Giornata Mondiale ricordata ogni 20 novembre ci offre uno spunto stimolante per sostenere, promuovere e celebrare i diritti dei bambini.

Il tema di quest’anno è “Un giorno per reinventare un Futuro migliore per ogni bambino”.

Per l'occasione i Governi di tutto il mondo sono sollecitati ad adottare i seguenti 6 punti che costituiscono il Piano per la Tutela dei Bambini:

  • Apprendimento garantito a tutti i minori e superamento del divario digitale
  • Assistenza sanitaria di base e vaccini accessibili a tutti i bambini
  • Tutela della salute mentale dei bambini e dei giovani e lotta agli abusi, alla violenza e all’abbandono.
  • Accesso all’acqua potabile, ai servizi igienici e all’igiene e lotta al degrado ambientale e al cambiamento climatico.
  • Lotta alla povertà infantile.
  • Sostegno ai bambini e loro famiglie che vivono conflitti, disastri e sfollamenti.
Madri e padri, insegnanti, infermieri e medici, leader di governo e attivisti della società civile, religiosi e membri anziani delle comunità, magnati delle imprese e professionisti dei media, così come gli stessi giovani e bambini, possono svolgere un ruolo importante per sottolineare l’importanza di questa ricorrenza nelle loro società, comunità e nazioni.

____________________________

I 4 principi fondamentali della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza:

a) Non discriminazione: i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i minori, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione, opinione del bambino/adolescente o dei genitori.

b) Superiore interesse del bambino: in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l'interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.
c) Diritto alla sopravvivenza e allo sviluppo: gli Stati devono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione tra Stati.

d) Ascolto delle opinioni del minore: i bambini hannodiritto ad essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenerne in adeguata considerazione le opinioni.



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Questo sito NON richiede NE’ è a conoscenza dei dati personali dei visitatori.
(Informativa fornita ai sensi del Regolamento 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE.)
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio